Marzo 2007:
trentesimo compleanno

Concerto con il Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna

Emozioni per tutti!

Il concerto di domenica 11 marzo 2007 per il trentesimo compleanno del Piccolo Coro mdg, iniziato con un Teatro Accademia stracolmo di pubblico, ha regalato a tutti i fortunati presenti momenti di forte emozione, prima nella rievocazione degli inizi del coro coneglianese, poi con lo splendido concerto del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni.

Emozioni per i nostri bambini con Angela: le prove con i colleghi bolognesi, veri “professionisti”, l’esibizione con tutti loro e Sabrina in prima fila, il piacere di scoprire in quei bambini e nei loro accompagnatori quell’amicizia e quella semplicità che sono state gli ingredienti più genuini del concerto, che ha visto due cori non a confronto, ma in grande sintonia.

Emozioni per Michele: chiamato a gestire il palco più impegnativo della sua “carriera di presentatore”. A salvarlo il feeling naturale e spontaneo subito stabilito tra i protagonisti sul palco, grazie al quale il pubblico è stato coinvolto in un clima di familiarità, dove ciascuno ha potuto ritrovare pezzi importanti della propria passata esperienza di bambino, di genitore, di amico.

Emozioni per i numerosi ex coristi: con occhi sinceri (prima brillanti, poi anche lucidi) hanno “pulsato” all’unisono con i loro giovani successori, godendo nell’ascolto del loro coro “modello”.

Lo svolgimento della giornata

La realizzazione della manifestazione aveva richiesto un intenso lavoro preparatorio per la predisposizione di quanto necessario rispetto all’importanza dell’evento. Tra le importanti difficoltà affrontate spicca certamente l’ultima e forse la più impegnativa: l’insufficienza dei posti disponibili rispetto alla enorme e inaspettata richiesta; è significativo che perfino numerosi ex coristi siano rimasti senza posto. Ciò da una parte è stato motivo di enorme soddisfazione per la risposta del pubblico, dall’altra è stata motivo di rammarico per le molte richieste impossibili da soddisfare.

La giornata era iniziata nel migliore dei modi con l’arrivo e l’accoglienza del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna, in Piazza IV Novembre. I bambini e i genitori dei due cori con relativi maestri hanno percorso assieme il centro cittadino creando una nota di festa in piazza Cima.

Al culmine dello spettacolo i due cori si sono uniti per formare un unico grande coro. Toccante è stato il momento in cui, presenti sul palco il sindaco Floriano Zambon e il parroco Mons. Massimo Magagnin, un corista (piccolo strumento musicale che produce la nota la per intonare), poi due, poi tre, quattro, dieci, cinquanta, cento coristi hanno riempito il teatro con lo stesso suono, via via sempre più forte, sempre più pieno, fino a coinvolgere tutto il pubblico in un emozionante unisono dal forte significato simbolico, subito tradotto con le parole della canzone eseguita a cori uniti:

«…e se una voce sola si sente poco, insieme a tante altre diventa un coro… non è importante se non siamo grandi come le montagne: quello che conta è stare tutti insieme per aiutare chi non ce la fa…».

Si è trattato davvero di un evento unico e irripetibile, per il quale è valsa la pena di investire molte energie.

Ringraziamenti

Nel corso di trent’anni di attività il Piccolo Coro mdg ha avuto la fortuna di incontrare numerose persone che lo hanno sostenuto in molti modi diversi.

Rassegna stampa

Torna a inizio pagina